Milano Ristorazione e la Food Policy di Milano

La società del Comune che gestisce le mense scolastiche – Milano Ristorazione – serve 85.000 pasti al giorno, oltre 17 milioni all’anno, a scuole, asili, ricoveri per anziani, centri di assistenza ai disabili, oltre ai pasti a domicilio per anziani e persone non autosufficienti. Milano Ristorazione è certamente uno dei principali attori della Food Policy della città e quest’anno celebra 120 anni di attività.

Oltre 800 dipendenti, con 26 centri cottura, si arriva a oltre 400 mense e altre utenze, distribuendo 17.000.000 di pasti all’anno.

I progetti in corso sono molti e assimilabili alle diverse priorità della Food Policy di Milano e proprio per questo motivo, il lavoro per la costruzione di nuove azioni e quello per il miglioramento di quelle già in atto è continuo e orientato a raggiungere una sostenibilità e qualità del servizio sempre maggiori.

ee

Il contributo di Milano Ristorazione alla Food Policy di Milano

Le mense scolastiche sono lo strumento più diretto per raggiungere tanti obiettivi di sostenibilità del sistema alimentare, coinvolgendo famiglie e bambini. Ecco le azioni messe in campo negli ultimi anni.

Scarica il volantino – MILANO RISTORAZIONE e la Food Policy di Milano

Diete sane e sostenibili
Dal 2015 è stata ridotta la carne rossa dai menù aggiungendo molti legumi e cereali, dal 2017 è stato eliminato il sale aggiunto nei menù dei nidi d’infanzia. Nei refettori si beve acqua di rete in brocca.

Ogni anno si garantiscono oltre 2000 diete sanitarie e oltre 9000 menu etico religiosi.

Sacchetto “salva merenda”
Da maggio 2014 è partita la campagna “IO NON SPRECO”,  in collaborazione con l’assessorato all’Educazione e all’Istruzione del Comune e Legambiente. Agli alunni delle scuole primarie aderenti viene fornito un sacchetto in materiale lavabile per incoraggiarli a portare a casa i prodotti non deperibili che non hanno consumato durante il pranzo (pane, frutta, budini, ecc). Dall’inizio della campagna  sono stati distribuiti circa 40.000 sacchetti.  Il progetto “IO NON SPRECO” è stato segnalato sul sito della Commissione Europea tra le buone pratiche anti spreco.

Recupero delle eccedenze  
Grazie a una collaborazione  con Siticibo-Banco Alimentare nelle cucine di Milano Ristorazione ogni anno vengono recuperate alcune tonnellate di pane e 100 tonnellate di frutta.  Nel 2018 Milano Ristorazione ha donato a 9 associazioni 140 tonnellate di frutta e pane avanzati in 106 refettori.

Mense sostenibili
Dall’inizio del 2015 nelle mense delle scuole primarie, e da ottobre anche nelle scuole secondarie, i pasti sono serviti in piatti e bicchieri biodegradabili e le posate sono in acciaio. Un’iniziativa che ha portato alla riduzione di 720.000 kg di plastica complessivamente.

miriFrutta a metà mattina 
Il progetto “Frutta a metà mattina” si propone di  sostituire in modo completo la merenda acquistata dalle famiglie e consumata abitualmente dai bambini a scuola, anticipando al momento dell’intervallo la distribuzione della frutta prevista a fine pasto. La sperimentazione è partita a giugno 2016  in 30 scuole d’infanzia milanesi coinvolgendo 4000 bambini. Nell’edizione 2019/2020 le scuole coinvolte sono oltre 60 per circa 20.000 alunni.

Il progetto ha tante finalità:
•       migliorare l’equilibrio della giornata alimentare degli alunni;
•       abituare il gusto, rinforzando i comportamenti positivi;
•       permettere l’adozione di un corretto stile alimentare;
•       favorire un maggiore consumo degli alimenti del pranzo a scuola;
•       ridurre gli sprechi alimentari.

QUI maggiori informazioni sull’edizione 2019/2020 in corso.

Educazione alimentare
Il progetto “Dall’orto alla tavola” propone incontri di cucina, rivolti alle famiglie e ai bambini. Gli incontri sono gestiti da un team composto da: un nutrizionista, il quale illustra ai genitori i principi di sana e corretta alimentazione, e il modo migliore di preparare il cibo; uno chef di Milano Ristorazione che prepara i piatti consumati nella cena conviviale al termine degli incontri; un’educatrice.
I genitori partecipanti hanno modo di prendere parte ad alcune fasi della preparazione delle pietanze, osservare le tecniche di cucina, ascoltare gli esperti nutrizionisti e confrontarsi con loro su temi legati alla nutrizione infantile.
I bambini, invece, nei laboratori loro dedicati e con la guida di personale qualificato, sperimentano la preparazione di alcune ricette sane e gustose e imparano le caratteristiche degli alimenti. I bambini vengono, inoltre, coinvolti nell’apparecchiatura per vivere il momento della tavola come un momento ludico e naturale dopo la cena, insieme ai genitori,  procedono allo sbarazzo dei tavoli attraverso la raccolta differenziata dei rifiuti.
Lo scopo del progetto è divulgare le basi per una sana nutrizione nei bambini in età scolastica e fornire alle famiglie indicazioni pratiche per la preparazione di ricette che includano alimenti freschi e di stagione, l’uso di erbe aromatiche e piccoli vegetali che ogni famiglia può provare a coltivare sul balcone oltre a utilizzare i vegetali coltivati negli orti della scuola.