Milan Urban Food Policy Pact

logo Milan Urban Food Policy Pact

 

È un patto internazionale al quale oltre 40 città del mondo (qui l’elenco) hanno lavorato per rendere il sistema alimentare delle loro aree urbane più equo e sostenibile. L’intenzione è quella di costituire una rete di scambio di idee, buone pratiche sul cibo da tradurre in azioni concrete.

L’idea del patto è stata lanciata dal sindaco Giuliano Pisapia a febbraio 2014, durante il summit di Johannesburg delle città sostenibili che fanno parte del gruppo C40.

“La produzione, la trasformazione e la distribuzione del cibo, insieme allo spreco delle risorse alimentari, riguardano da vicino il futuro di tutti noi” ha detto Pisapia a Johannesburg “Vorrei coinvolgere tutte le città presenti, molto sensibili su questo tema. Expo 2015 ci offre una grande occasione per pianificare il futuro anche nel campo dell’alimentazione sana ed equilibrata. Che non significa tristi rinunce, ma vere e proprie opportunità per uno sviluppo alternativo, con ricadute non solo sul piano della salute, ma anche economico e sociale. Laddove gli Stati non riescono a raggiungere i risultati, le sinergie tra le città possono invece vincere le sfide che ci troviamo ad affrontare

Le città si sono confrontate da settembre 2014 in videoconferenza (webinar) per definire i contenuti del patto con l’ausilio di un gruppo di esperti. Attualmente, il numero delle città firmatarie è raddoppiato (qui l’elenco).

Il documento è anche sottoposto all’esame di un advisory group, un tavolo di organismi internazionali (qui l’elenco) che ha il compito di consigliare le città su come meglio armonizzare il patto con altre iniziative simili già esistenti.

Il Milan Urban Food Policy Pact è stato firmato a Milano il 15 ottobre 2015, con una cerimonia ufficiale alla presenza dei sindaci e dei rappresentanti delle città firmatarie. Il testo firmato è stato poi consegnato a Ban Ki-Moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite,  il 16 ottobre 2015.

Scarica qui il testo del patto

Scarica qui l’ebook sulle buone pratiche delle città del Patto